Truffa dello specchietto nel catanese, arrestata coppia di coniugi di Noto in trasferta

I due in trasferta dalla provincia di Siracusa hanno tentato di truffare l'anziano chiedendo un risarcimento per lo specchietto rotto

Carabinieri della tenenza di Misterbianco hanno arrestato nella flagranza i coniugi  Paolo Mirabile di 44 anni e Salvatrice Gentile di 37, entrambi di Noto (SR), poiché ritenuti responsabili di tentata truffa aggravata in concorso.

Hanno preso di mira un pensionato catanese di 82 anni pedinato dai due con estrema cautela finché non lo hanno costretto a fermarsi all’interno dell’area di servizio della “IP” di via Galermo. Lì hanno rappresentato la sceneggiata affrontando il malcapitato, reo, secondo i teatranti, di avergli danneggiato uno degli specchietti retrovisori della loro Fiat Punto, che poteva essere risarcito in via bonaria mediante l’elargizione di 75 euro in contanti.

La discussione animata tra le parti in causa è stata notata da due Carabinieri in abiti civili che avvicinatisi con circospezione ai contendenti sono riusciti ad ascoltare dalla viva voce del 44enne la seguente frase indirizzata alla potenziale vittima “ma dari 75 euro po’ specchietto”.  Espressione in dialetto siculo che non ha lasciato alcun dubbio ai militari che, acquisendo anche la testimonianza dell’anziano “qualche chilometro prima dell’area di servizio ho sentito come un botto sul lato destro della mia autovettura, senza però rendermi conto di cosa fosse realmente accadut”, sono riusciti a raccogliere quegli elementi probatori utili a giustificare il provvedimento restrittivo adottato nei confronti dei due coniugi.

Gli arrestati, dopo una notte in camera di sicurezza, sono stati ammessi al giudizio per direttissima dove il giudice, dopo averne convalidato l’arresto, gli ha imposto la presentazione giornaliera dinanzi la polizia giudiziaria del luogo di residenza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo