In tendenza

Stamattina incontro tra Cna e sindaco di Noto: consegnato un documento con le richieste di ristoratori

Come successo anche negli altri comuni, confronto tra amministratori e imprenditori del settore per una ripartenza sicura e vantaggiosa per tutti

Questa mattina una delegazione Cna Siracusa composta anche da alcuni ristoratori ha incontrato a Palazzo Ducezio il sindaco Corrado Bonfanti per consegnargli, così come avvenuto anche nelle altre città, un documento che riassume le richieste della categoria per una riapertura in sicurezza che consenta la ripresa delle attività e torni a far girare l’economia.

L’obiettivo è quello di non far morire il settore della ristorazione, lavorando su scelte condivise che possano premiare il senso di responsabilità di chi ha imparato a convivere con il virus senza precludere le possibilità di lavorare di chi, comunque, si è impegnato adeguandosi alle indicazioni dei vari Dpcm o delle varie ordinanze regionali.

La proposta più importante riguarda la possibilità che i ristoranti possano restare aperti fino alle 22, con ultimo servizio alle ore 21, in maniera da poter servire ai tavoli e avere poi il tempo di sistemare la sala entro l’inizio del coprifuoco.

Nel documento consegnato al sindaco Bonfanti si chiede di farsi portavoce, insieme con gli altri colleghi, con la Regione Siciliana e lo Stato per ottenere un nuovo sistema che possa ridurre gli squilibri nell’assegnazione dei ristori, abbassi il costo del lavoro e permetta anche un ampliamento del plafond di credito a 30mila euro per le posizioni di indebitamento.

Si è parlato anche della possibilità dell’esenzione da alcune imposte locali, vedi Tari.

Il sindaco Bonfanti si è confrontato con la delegazione, assicurando massimo sostegno e dicendosi pronto a firmare il documento condiviso, augurandosi che anche gli altri sindaci facciano lo stesso.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo