Noto, Ventuno studenti del “Raeli” per una settimana saranno ambasciatori a Istanbul

L’appuntamento è fissato per domenica 9 marzo, giorno in cui ventuno studenti dell’Istituto “Matteo Raeli” di Noto partiranno alla volta di Istanbul per uno scambio di classe organizzato dall’Associazione Intercultura Onlus, della durata di sette giorni.

Ad attenderli a destinazione altrettanti giovani turchi del liceo “Nisantasi Nuri Akin” e a dargli il benvenuto una chaperone molto speciale: Merve Selcuk, una partecipante nel 2012-2013 ad un programma di scambio annuale di Intercultura presso una famiglia e una scuola di Canicattini Bagni .

Il progetto, fortemente voluto dal Dirigente scolastico prof. Veneziano , organizzato dalle prof.sse Patrizia Cretto e Maria Luisa Di Pietro in collaborazione con i volontari di Intercultura del Centro Locale di Siracusa, si svolgerà proprio nella bellissima città turca di Istanbul, al confine tra Europa e Asia. I ragazzi, accompagnati dalle professoresse, avranno modo di seguire le lezioni assieme ai loro coetanei turchi e vivere una settimana di full immersion nella cultura del Paese. Durante lo scambio avranno anche modo di approfondire il tema del dialogo interculturale tramite incontri mirati.

Gli studenti saranno ospiti delle famiglie degli studenti locali che, a loro volta, dal 28 aprile al 5 maggio 2014 saranno accolti a Noto dalle famiglie dei ragazzi del “Matteo Raeli”, in quella che sarà la seconda fase dello scambio di classe.

Il soggiorno in un altro Paese, sciolto dagli aspetti turistici, rappresenta un’esperienza che fa crescere nei giovani e nelle famiglie la comprensione internazionale, la conoscenza di altre abitudini di vita e di altre culture, insieme alla scoperta dei valori della propria cultura di appartenenza. L’Associazione Intercultura Onlus promuove e organizza questo tipo di scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno oltre 1800 ragazzi delle scuole secondarie (due terzi dei quali grazie a borse di studio) a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo