In tendenza

Noto, un sabato di file e caos al punto vaccini del Trigona. Ma volontari e medici hanno vaccinato tutti, prenotati e non

Tante persone hanno scelto di recarsi al Trigona anche senza prenotazione, un po' di disagi e confusione, ma i sanitari non si fermano nemmeno un secondo per riuscire a vaccinare più persone possibili

Mattinata agitata quella di ieri al piano terra del Trigona dove prosegue costantemente la somministrazione dei vaccini. Volontari Avo in prima fila a gestire le code e medici a lavoro senza sosta per assicurare la massima velocità e non creare intoppi alle operazioni, garantendo la precedenza a chi ha comunque prenotato il proprio turno.

Ma è proprio la differenza tra prenotati e non ad aver portato ad una serie di disagi, con gente che nonostante si trovasse in fila da diverse ore, ma senza aver prenotato, poco prima di pranzo era ancora incerta se sarebbe arrivata a fare il vaccino per mancanze di scorte. Più di 50, almeno, le persone in coda che attendevano di conoscere il loro destino. Segno che comunque il richiamo vaccinale, la scadenza dei green pass e l’attivazione dei super green pass, è servita ad accelerare l’andamento dei vaccini.

L’impegno dei volontari, la costanza dei medici e dei sanitari presenti, oltre ai tecnici che hanno il compito di registrare chi effettua il vaccino, ha permesso di risolvere la situazione, nonostante qualche malumore poi comunque rientrato. Qualcuno si è anche spinto ad evidenziare come un solo punto vaccini in città non basti e come non si possa aspettare fino all’ultimo di conoscere se si potrà, o meno, effettuare il vaccino.

Dal canto loro il personale sanitario ed i volontari proseguono spediti senza fermarsi un attimo, neanche il tempo di sistemarsi il camice fuori posto. A loro non può che andare un ringraziamento collettivo per l’impegno in prima linea contro il Covid.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo