In tendenza

Noto, Tiralongo (NoiPerNoto): “Raccolta rifiuti nelle contrade inadeguata e insufficiente. Si faccia di più”

Il candidato a sindaco della coalizione di centrosinistra ha proposto 4 punti per migliorare il servizio

“Lo stato del servizio di raccolta dei rifiuti a Noto e nelle contrade è inadeguato e insufficiente. Si può e si deve fare di più”. Il leader della coalizione #noiper Noto e candidato sindaco Aldo Tiralongo affronta una tematica particolarmente sentita nella città barocca, dopo l’ultima denuncia sottoscritta da ben 290 cittadini esasperati.

“Apprendo con favore che l’Amministrazione ha accolto il suggerimento di ampliare gli orari per il conferimento dei rifiuti al Centro Comunale di Raccolta – dichiara Tiralongo– Questo è un punto importante nella strategia che la coalizione NOIPERNOTO vuole realizzare nel campo dei rifiuti, ma certo non sufficiente nell’ottica della guerra alle microdiscariche. La denuncia di 290 residenti, presentata al Prefetto di Siracusa, unitamente a quelle fatte da singoli cittadini sui social, è manifestazione di un profondo disagio e della ribellione di una comunità intera contro uno stato del servizio di raccolta dei rifiuti assolutamente inadeguato e insufficiente. Le foto di piccole e grandi microdiscariche disseminate in tutto il territorio del comune si inseguono quasi giornalmente.  Senza dubbio vi è una responsabilità dell’impresa che gestisce il servizio. Fra le tante inadempienze mi permetto di ricordare la gravissima assenza di una campagna di sensibilizzazione, di informazione e di formazione, nonostante sia prevista nel capitolato speciale di appalto”.

“Non può esserci sistema virtuoso e bene organizzato  – prosegue Tiralongo – se manca la coscienza che i rifiuti possono essere una ricchezza per la comunità e che un territorio pulito, oltre che segno di civiltà, concorre alla sua valorizzazione e ad attrarre il turismo. Responsabilità dell’impresa da rilevare legalmente. Unitamente occorrono altri correttivi al servizio che possono concorrere a migliorare la situazione”.

Da qui poi Tiralongo propone 4 punti per ridurre il fenomeno delle microdiscariche in città.  Eccoli: posizionare i cassonetti nelle contrade. Cassonetti differenziati da svuotare giornalmente in modo da avvicinare il luogo di conferimento a quello di abitazione, facilitare e favorire la raccolta dei rifiuti ingombranti; premiare chi differenzia di più; incentivare il compost domestico e di comunità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo