In tendenza

Noto, Tiralongo (candidato a sindaco): “Ridare orgoglio al dipendente comunale”

Presa di posizione del candidato sostenuto da Passione Civile, 5 Stelle, Pd, Noto Partecipa e Movimento 24 Agosto

“Alle prossime amministrative non è in gioco la poltrona di sindaco ma il futuro della città”. Lo sostiene il candidato sindaco Aldo Tiralongo della coalizione #noiperNoto che non nasconde di essere preoccupato per lo stato di disagio in cui versa una parte della popolazione, già messa in ginocchio dalla crisi economica del 2008 e ulteriormente aggravatasi con la pandemia che ha allargato la forbice fra ricchi e poveri.

“Quando saremo fuori dal tunnel dinnanzi ai nostri occhi si parerà uno scenario molto triste – sostiene Tiralongo– Per questo occorrerà un governo della città composto da persone preparate, in grado di attuare una strategia di sviluppo che restituisca la speranza ed un futuro possibile a Noto e alla nostra comunità. Se il comune, per le proprie competenze, non crea direttamente posti di lavoro, tuttavia ha un ruolo fondamentale perché si crei occupazione, spianando la strada a chi vuole fare impresa, offrendo servizi, consulenza, intercettando fondi per azioni di sviluppo e rigenerazione, facilitando e sostenendo l’iniziativa soprattutto dei giovani che vogliono provare ad avere qui e non altrove la loro fonte di lavoro e di reddito”.

Che fare? Per il leader di #noiperNoto la risposta sta nella capacità di valorizzare il personale dipendente, facendo sì che ciascuno non sia semplice esecutore silente, ma partecipe del processo decisionale. “Bisogna restituire ai dipendenti l’orgoglio di essere parte integrante di una comunità nei confronti della quale non prestano solo un servizio, ma svolgono un’azione fondamentale senza la quale non potrà esserci futuro per nessuno. Non può esserci buon governo, amministrazione fattiva ed intelligente se non si agisce in primo luogo nei confronti di chi deve dare corpo e senso alla visione strategica”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo