Noto, sono circa 370 le persone rientrate in città nell’ultimo mese e che si sono messe in quarantena fiduciaria

Controlli a campione per verificare il rispetto delle disposizioni nazionali e regionali sull'isolamento obbligatorio

Dal 12 marzo, giorno in cui è stato attivato il servizio, sono arrivate centinaia di email per l’autodenuncia del rientro in città per l’emergenza Coronavirus: in totale i soggetti registrati sfiorano quota 370, molti appartenenti allo stesso nucleo familiare.

Sono numeri di cui ha dato contezza ieri il sindaco Corrado Bonfanti nel consueto video di aggiornamento sull’emergenza Coronavirus, spiegando che la registrazione avviene grazie alla collaborazione dei Medici di Famiglia e attraverso il lavoro certosino del lavoro del Coc attivato dal Comune e della Protezione Civile.

Molti di questi soggetti, rientrati anche a fine febbraio, stanno finendo il loro periodo di quarantena, mentre la Polizia Municipale è impegnata non solo nei controlli sul territorio ma anche a verificare se chi si è registrato sta rispettando l’isolamento.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo