In tendenza

Noto, rifiuti e premialità per chi conferisce al Ccr, l’opposizione: “Basta campagna elettorale, nella realtà non si potrà beneficiare di nessuna scontistica”

Aspettando il prossimo consiglio comunale, in cui l’opposizione rappresentata dai 3 consiglieri Aldo Tiralongo, Nino Sammito e Salvo Cutrali, sembra intenzionata a ritornare in aula, non mancano le polemiche dopo l’annuncio del sindaco Corrado Figura dell’approvazione in Giunta di una delibera che prevede una serie di riduzioni sulla Tari per i titolari di utenza domestica che conferiranno al Centro comunale di raccolta.

Lo sconto, calcolato con un coefficiente ponderale, sarà applicato sulla parte variabile del tributo, ma ci vorranno almeno 100 kg di rifiuti all’anno per ottenerlo. Ma secondo l’opposizione si tratta di una “reiterata presa per i fondelli alla comunità che nella realtà non potrà beneficiare di nessuna scontistica”.

Questo perché, spiegano, “l’introduzione della premialità in tema di rifiuti, deve trovare riscontro o tra le maglie del bilancio dell’Ente che destina fondi alla copertura del minore introito tariffario, oppure nella costruzione del Piano Economico Finanziario, presupposto per la determinazione delle tariffe, con necessaria copertura del minore introito attraverso una tariffa più elevata per chi non è virtuoso e per le utenze commerciali in generale. Entrambe le soluzioni devono poi essere approvate dal Consiglio Comunale e, nel caso del Piano Economico Finanziario anche dalla Autorità nazionale competente”.

Poi l’affondo sull’ordinanza che modifica gli orari di apertura del Centro comunale di Raccolta. “Viene poi da sorridere – dicono i 3 –  leggendo la nuova Ordinanza n. 366/S del 14 dicembre scorso, con la quale il Sindaco riduce, rispetto al passato, l’orario di apertura del Centro Comunale di Raccolta di ben due ore giornaliere. Mentre prima si poteva andare a conferire dalle ore 7.00 alle ore 11.00 la mattina e dalle 14.30 alle 18.30 il pomeriggio, con la predetta Ordinanza si potrà andare solo dalle 8.30 alle 12.30 la mattina e dalle 15.30 alle 17.30 il pomeriggio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo