In tendenza

Noto, ok alla convenzione con il Comune di Pachino per la gestione dei territori al confine. Nuovo volto in Consiglio comunale

Sebastiano Pannuzzo, Patto per Noto, ha preso il posto del dimissionario Corrado Cultrera

Consiglio comunale fiume quello di ieri in aula Passarello, con tutti i punti all’ordine del giorno approvati. Spicca la convenzione, modificata, con il Comune di Pachino per la gestione dei territori al confine, ma anche il nuovo regolamento Tarip che riconosce uno sconto alle strutture agrituristiche. C’è stato modo anche di ritornare sulla questione Lucarelli.

La seduta è cominciata con la surroga del consigliere comunale dimissionario Corrado Cultrera: al suo posto, per lo scorrimento della lista, è entrato Sebastiano Pannuzzo,  primo dei non eletti in Patto per Noto. Ringraziando per l’opportunità, Pannuzzo ha confermato le posizioni di Patto per Noto in questi ultimissimi giorni di legislatura.

Poi le comunicazioni del sindaco Bonfanti, il quale ha ripercorso la questione Lucarelli tenendo a precisare che la cena offerta citata dalla giornalista risale al venerdì prima di Ferragosto, come gesto di galanteria dopo che la stessa aveva segnalato disagi nella struttura in cui alloggiava.

Poi gli atti: le alienazioni e il regolamento Tarip rientrano a pieno regime tra gli atti propedeutici all’approvazione del bilancio di previsione, il regolamento sull’ex Magazzino Comunale servirà per la sua gestione così come la modifica al regolamento del Cumo.

C’era molta attesa per il rinnovo della convenzione con il Comune di Pachino per la gestione dei territori al confine: ok unanime, con il Comune che delegherà quello di Pachino per la raccolta rifiuti, l’approvvigionamento dell’acqua, gestione della viabilità e pulizia degli arenili. Stanziati 80mila euro: queste le somme che il Comune di Noto riconoscerà a quello di Pachino.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo