In tendenza

Noto, l’incendio a Vendicari sarebbe stato appiccato in tre punti differenti

La pista principale resta quella dell'incendio doloso

Tre punti differenti, tutti presumibilmente vicini alla cosiddetta sbarra di Vendicari, con le fiamme che hanno distrutto alcuni ettari di canneto e messo a repentaglio l’ecosistema Vendicari.

Questi gli ultimi dettagli che arrivano a quasi 48 ore dall’incendio divampato mercoledì pomeriggio in piena Riserva di Vendicari. Le fiamme, la cui nuove sprigionata era ben visibile da lontano, hanno distrutto diversi chilometri di canneto, nella striscia che va da Vendicari fino a Calamosche. Difficile, per il momento, una conta dei danni.

Più semplice individuare come le fiamme hanno interessato la cosiddetta zona dei Pantani, sia quello piccolo sia quello grande. Una zona umida dove molte specie animali trovano riparo e linfa.

Ieri pomeriggio paesaggio spettrale in zona, con altri minuti di paura: intorno alle 16:30 era stato segnalato un altro possibile incendio, ma sul posto sono intervenute due squadre dei Vigili del Fuoco immediatamente.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo