In tendenza

Noto, l’arte effimera riparte da Malta. “Restart”, il titolo del bozzetto realizzato con il coinvolgimento di CulturArte

Le associazioni coinvolte sono state: CulturArte Noto, lnverdurata di Pachino e la Federación Gallega Spagna. Primo evento in presenza dopo quasi 2 anni

L’Associazione EspressjonArti Gharb Malta ha organizzato, in collaborazione con la Coordinadora Internacional de Entidades de Alfombristas de Arte Efímero (Cidae) e direzione artistica di Valentina Mammana, un evento, dal 4 al 7 Novembre, dal titolo “Ephemeral Art Restarts”.

Si tratta del primo evento in presenza dopo 2 anni in cui il Covid ha costretto gli artisti a restare lontani. Per ripartire in sicurezza, nel rispetto delle normative Covid, le associazioni coinvolte sono state: CulturArte Noto, lnverdurata di Pachino e la Federación Gallega Spagna.

L’opera dal titolo “Restart” dell’artista Maltese Michael Bajada e progetto grafico dell’associazione CulturArte Noto, è stata realizzata con tecnica mista con i seguenti materiali: sale, fagioli, lenticchie, pomodorino di Pachino, conchiglie di Galizia ed altro ancora.

L’elaborazione di un’opera unica, nata durante il Festival delle Arti Effimere, ha reso tutti consapevoli di come la condivisione sia la parte più importante di tutto l’evento, perché i valori umani e culturali sono fondamentali per una crescita professionale e personale. Il venerdì, le associazioni partecipanti hanno presentato dei workshop sulle tecniche delle Arti Effimere, dove sono intervenuti i Sindaci delle città di appartenenza per un saluto e un dialogo su come le istituzioni pubbliche debbano sostenere le associazioni che grazie all’Arte Effimera producono cultura e incentivano il turismo.

All’inaugurazione erano presenti il ministro di Gozo Clint Camilleri e il sindaco di Gharb David Apap Agius.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo