In tendenza

Noto, la richiesta del consigliere comunale Quartararo: “Il sindaco prolunghi la Didattica a Distanza”

Un'altra settimana di chiusura in attesa che la curva dei contagi scenda

Il consigliere comunale Giusy Quartararo chiede al sindaco Corrado Bonfanti di valutare l’ipotesi di chiudere le scuole e prolungare la didattica a distanza, commentando in negativo le scelte del governo nazionale e di quello regionale.

“Da lunedì la Sicilia sarà zona rossa ma – dice –  incredibilmente, le scuole dell’infanzia, le primarie e il primo anno delle secondarie di primo grado saranno regolarmente aperte.   Una scelta dei Governi nazionale e regionale insensata e assolutamente inopportuna, specie con una diffusione dei contagi talmente vasta come confermato dai dati odierni in molte città tra cui Noto”. 

“Non si può affermare che le scuole – aggiunge – siano sicure, specialmente quelle frequentate dai bambini più piccoli che difficilmente riusciranno a mantenere il distanziamento e le precauzioni necessarie.  Per non parlare degli assembramenti che si creeranno tra gli adulti in occasione dell’ingresso e dell’uscita da scuola dei bambini. Occorre, allora, un provvedimento contingente e straordinario; per questo, con la presente, rivolgo un accorato appello al Sindaco di Noto affinché emani una ordinanza, data la situazione straordinaria ed urgente di diffusione dei contagi, con cui disporre la didattica a distanza anche per le scuole dell’infanzia, elementari e medie, ancora per un’altra settimana. I Sindaci di Carlentini, Avola e Priolo hanno già emanato il medesimo provvedimento e la situazione dei contagi a Noto non è certo migliore!.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo