Noto, la raccolta differenziata si fa anche in classe: l’isola ecologica al plesso Pitagora dell’istituto superiore Matteo Raeli

I ragazzi saranno seguiti dai docenti che hanno partecipato al progetto Erasmus in Austria sul rispetto dell'ambiente e della natura

Il sindaco Corrado Bonfanti e il dirigente scolastico dell’istituto superiore Matteo Raeli Concetto Veneziano hanno firmato questa mattina il protocollo d’intesa per l’installazione dell’isola ecologica al plesso Pitagora che permetterà a studenti e docenti di conferire i rifiuti secondo le regole della raccolta differenziata.

L’isola ecologica, consegnata ufficialmente stamattina, sarà attiva già da domani e funzionerà proprio come gli altri esemplari. posizionati in altre zone del vasto territorio netino. L’obiettivo è favorire il corretto conferimento dei rifiuti stimolando i ragazzi ed aiutando, nel frattempo, l’amministrazione comunale ad innalzare la percentuale sulla raccolta differenziata.

“I nostri ragazzi sono il nostro presente – ha detto il sindaco Corrado Bonfanti prima della firma sul protocollo d’intesa – e sono consapevoli dell’importanza che i comportamenti corretti possono avere nella vita di tutti i giorni. Raccogliere i rifiuti e saperli conferire in maniera giusta già a scuola si traduce poi in una buona abitudine da portare anche a casa. Questo può aiutarci a raggiungere una tariffa puntuale e permettere alle famiglie di pagare la tassa sui rifiuti calcolata su quanto effettivamente conferito”.

A seguire i ragazzi, come spiegato dal dirigente scolastico del Raeli Concetto Veneziano, saranno gli stessi docenti che nei mesi scorsi hanno partecipato in Austria al progetto Erasmus “Green skilled citizens for a greener world”, progetto che ha permesso loro di acquisire qualifiche e competenze sulla protezione del clima e dell’ambiente.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo