Noto: “La discarica in contrada Stallaini non si farà”, così alcune associazioni ambientaliste

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato congiunto da parte delle associazioni: Sciami, Natura Sicula, Case Sparse dell’Agro Netino, Ente Fauna Siciliana, Acquanuvena, Notoambiente, in merito alla discarica in contrada Stallaini:

L’assessorato regionale Dell’energia aveva revocato per motivi di legalità in data 9/2/2013 tutte le autorizzazioni alla SOAmbiente, la società che voleva aprire una discarica in contrada Stallaini. La società agrigentina si era rivolta al TAR di Palermo contro tale revoca. Il Tribunale Amministrativo di Palermo il 10 aprile ha rigettato il ricorso della SOAmbiente. La discarica di inerti a Stallaini non si farà. La bomba ecologica è stata disinnescata!

Le associazioni culturali e ambientaliste sottolineano che le assurde autorizzazioni rilasciate alla SOAmbiente per l’apertura di una discarica a Stallaini sono frutto dell’assenza di una politica di sviluppo lungimirante, compatibile con l’ambiente e con la salute delle popolazioni del sud-est. Non si doveva correre il pericolo di avere una bomba ecologica nel nostro territorio.

La commissione urbanistica aveva espresso all’unanimità (febbraio 2012) parere negativo contro la discarica a Stallaini. Il Sindaco di Noto non ritenne opportuno coinvolgere il Consiglio Comunale. Se il Consiglio Comunale avesse approvato una mozione contraria alla discarica, come da parere negativo della commissione urbanistica, e tale mozione fosse stata inviata agli organi competenti, la questione Stallaini sarebbe stata risolta immediatamente.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo