Obbligo delle mascherine nei luoghi al chiuso: nuova ordinanza del Ministero della Salute

Noto, il sindaco Bonfanti assolto dall’accusa di abuso di ufficio: “Il fatto non sussiste”

A processo per aver autorizzato 6 metri quadrati di suolo pubblico

Aveva autorizzato un’attività commerciale del centro storico ad utilizzare circa 6 metri quadrati di suolo pubblico e per questo era finito a processo, ora l’assoluzione con formula piena perché “il fatto non sussiste”.

Il sindaco di Noto Corrado Bonfanti è stato assolto dall’accusa di abuso d’ufficio, quindi, con i giudici che hanno accolto la richiesta avanzata dalla difesa, dall’avvocato Ezechia Paolo Reale. Assoluzione che era stata richiesta anche dal Pm Andrea Palmeri, ma per “non aver commesso il fatto”.

Si chiude dunque una vicenda lunga quasi tre anni: il sindaco era stato denunciato alla Procura della Repubblica da un residente in centro storico ed era finito a processo a inizio 2017. Nonostante siano variati per ben tre volte i componenti del collegio giudicante, Bonfanti ha scelto di non chiedere il rinnovo del dibattimento, pur rischiando la sospensione per effetto della legge Severino.

Il 2 febbraio 2017 il Gip del Tribunale di Siracusa Carmen Scapellato firmò il rinvio a giudizio, aprendo di fatto il dibattimento in cui la difesa di Bonfanti evidenziò la possibilità prevista dal regolamento comunale che le autorizzazioni per il suolo pubblico venissero firmate anche dal sindaco e non solo dai dirigenti di settore.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo