In tendenza

Noto, il Consiglio comunale ha detto sì alla gestione pubblico-privata dell’acqua

Ne faranno parte 19 comuni su 21 della provincia di Siracusa e il Comune di Noto avrà il 3% delle quote a fronte di un versamento pari a circa 67mila euro

Sì alla gestione pubblico-privata dell’acqua: lo ha deciso il Consiglio comunale lunedì pomeriggio, durante la seduta urgente convocata per l’approvazione dello schema di statuo della futura Aretusacque Spa, società a partecipazione mista (51% pubblico, 49% privata) che gestirà il servizio idrico integrato nella provincia di Siracusa.

Ne faranno parte 19 comuni su 21 della provincia di Siracusa e il Comune di Noto avrà il 3% delle quote a fronte di un versamento pari a circa 67mila euro.

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni