Noto eletta tra i borghi più belli dalla community del portale di turismo Paesionline

Noto, capitale del Barocco, premiata da PaesiOnLine come destinazione Top Rated: tra i borghi più belli dalla community del portale di turismo.

Ancora un riconoscimento per il comune di Noto, che dopo essere stata inserita nel 2002 tra i siti Unesco patrimonio dell’umanità, adesso il premio arriva dagli stessi turisti del portale www.paesionline.it che, dopo avervi trascorso le proprie vacanze, l’hanno eletta destinazione Top Rated per la categoria “Borghi”.

Per stabilire quali siano le località da inserire in questa classifica suddivisa per idea di viaggio, PaesiOnLine ha realizzato in collaborazione con il CISET un sistema di calcolo, il PlacesRank, che analizza le recensioni e i commenti degli utenti in relazione ad una data località. Questa metodologia di analisi prende in considerazione sia variabili quantitative, sia qualitative.

Definita la “Capitale del Barocco”, Noto sembra essere particolarmente apprezzata dagli utenti del portale, che la promuovono con un voto complessivo di 7,7. “Assolutamente meravigliosa! Un vero e proprio giardino di pietra“, la definisce Marco, uno degli iscritti; “L’atmosfera che si respira qui è unica: con i suoi splendidi palazzi e le magnifiche chiese lascia incantati. E per fare una pausa basta fermarsi ad uno dei tanti bar ad assaporare una squisita granita siciliana” è il commento di
Maria Rosa. Non a caso, le parole chiave che vengono più frequentemente associate alla città sono “elegante” ed “enogastronomia”.

Questo riconoscimento, incrementa ancora di più il senso di responsabilità che stiamo trasmettendo alla nostra comunità, per un massimo coinvolgimento nella strategia di sviluppo naturalistico, culturale e turistico del nostro territorio. Essere parte di un luogo apprezzato dai visitatori, vuol dire essere protagonisti delle loro sensazioni e delle loro emozioni – ha commentato Corrado Bonfanti, sindaco di Noto – Da alcuni anni, investiamo in un progetto che vede lo sviluppo del nostro territorio esclusivamente legato al turismo consapevole e curioso. Dopo il crollo della cupola della Cattedrale, magnifico esempio di arte barocca, avvenuto nel 1996, e il processo successivo di ricostruzione che, giocoforza, ha accesso i riflettori sulla città, si è creduto bene di insistere sulla valorizzazione della nostre ricchezze iniziando a metterle in bella mostra. Oltre a questo, abbiamo investito molto nella comunicazione, specialmente in quella digitale, partend dal sito web istituzionale, passando per la costruzione di una app turistica e instituendo un’ampia zona con WiFi libero nel centro storico e nelle zone balneari“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo