In tendenza

Noto e l’elezione del presidente del Consiglio comunale: nel 2011 ci vollero tre votazioni, una nel 2016. E tra il 2006 e il 2011 il presidente cambiò tre volte

Un viaggio all'indietro nelle ultime tre sindacature, tra franchi tiratori ed elezioni in...scioltezza

L’elezione del presidente del Consiglio comunale porta con sé sempre una serie di leggende e antefatti che poi finiscono per ripetersi e ripresentarsi. Nelle ultime 3 sindacature, due Bonfanti e una Valvo, se ne sono viste tante, ma se nelle due Bonfanti il presidente eletto a inizio consiliatura è poi arrivato al termine del mandato, lo stesso non si può dire per quanto successo tra il 2006 e il 2011.

In quei 5 anni, infatti, furono 3 i consiglieri comunali a sedersi sulla poltrona più importante dell’Aula Passarello. Il primo fu Nino Azzaro, eletto con Alleanza Nazionale, che dopo un paio di mesi, e complice un riassetto della maggioranza, si dimise, lasciando spazio ad Arturo Rizza. Rizza restò in carica per buona parte della legislatura, poi toccò a Corrado Cultrera di Patto per Noto.

Fu movimentata, invece, l’elezione a Presidente del Consiglio comunale dell’attuale sindaco Corrado Figura. Consigliere anziano nel 2011, eletto nella lista Lista Italia con 548 preferenze, al turno di ballottaggio aderisce alla candidatura Bonfanti e quando, il 12 luglio (la data del 3 a 1 alla Germania al Bernabeu o del più recente europeo vinto dagli Azzurri di Mancini a Wembely, ndr) 2011, ci si ritrova in Consiglio per l’elezione del Presidente ci vollero tre votazioni per trovare la quadra. Alla prima, infatti, Figura ottenne 7 voti, l’altro consigliere di maggioranza Daniele Pagano arrivò a 9 mentre ci furono 4 schede nulle. Va detto che erano 20 i consiglieri comunali e, dunque, per l’elezione servivano 11 voti. Fu da quasi thrilling la seconda votazione: Figura e Pagano arrivano 10 pari e i malumori in maggioranza sono così evidenti da dover ricorrere ad un’ulteriore sospensione della seduta (con annessa riunione da aut-aut in Sala Giunta). Alla terza votazione tutto rientra: Figura 11 e Pagano 9. Figura resterà presidente fino al 2016, staccandosi poi dalla maggioranza per lanciare i suoi movimenti e candidarsi a sindaco.

Molto più semplice e veloce l’elezione dell’ultimo Presidente, Veronica Pennavaria. La prima donna Presidente del Consiglio comunale venne eletta praticamente nel giro di pochi minuti: prima chiama, 11 voti per lei, 3 per Solerte e 2 per Cutrali (nel frattempo i consiglieri comunali erano 16). Anche Pennavaria è rimasta in carica fino al termine del mandato.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo