Noto, è il day-after. Parte la conta dei danni

Ci sarebbero almeno un paio di case danneggiate dalle fiamme. Decine gli ettari di macchia mediterranea andata a fuoco

L’odore acre della combustione si sente ancora forte: così si è svegliata Noto dopo il terribile pomeriggio vissuto ieri. Le fiamme, prima domate e poi ripartite in altri punti della collina, hanno portato con sè decine di ettari di macchia mediterranea e costretto almeno una ventina di persone ad abbandonare le proprie abitazioni.

Almeno un paio quelle danneggiate – anche pesantemente – dall’azione criminale di chi ha deciso che ieri 17 agosto 2020 passasse alla storia come il giorno dell’apocalisse a San Corrado di Fuori.

Gli elicotteri e le squadre antincendio, Vigili del fuoco e Protezione civile sono ancora al lavoro e nel frattempo è partita la conta dei danni. Il bilancio sarà pesantissimo.

E intanto le indagini per individuare i possibili autori di quella che è stata una tentata strage continuano ma al momento è opportuno non dare troppi riferimenti per non intralciarle.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo