Noto, Consiglio comunale: dimezzati i compensi per il cda Aspecon. Rientra il consigliere Corrado Cultrera

Maggioranza senza problemi in consiglio comunale. Oltre al ritorno del consigliere Corrado Cultrera, la seduta di mercoledì è stata la prima della dottoressa Patrizia Rappa, nuovo segretario comunale a scavallo dal comune di Fiumefreddo di Sicilia

L'aula Corrado Passarello

Tutto secondo copione mercoledì pomeriggio in Consiglio comunale: la maggioranza ha approvato i 5 punti all’ordine del giorno, segnando anche una importante novità: le indennità di carica per i 3 componenti del cda Aspecon, la municipalizzata con cui il comune gestisce il servizio idrico, sono state dimezzate.

Novità anche tra i banchi della maggioranza che hanno visto il ritorno di Corrado Cultrera, leader di Patto per Noto che si era autosospeso dopo l’avvio delle indagini per le presunte firme false certificate per la presentazione della stessa lista alle scorse amministrative.

Approvati i 2 debiti fuori bilancio (9 sì e un solo astenuto, il consigliere di opposizione Pietro Rosa), poi il sindaco Corrado Bonfanti ha sorpreso tutti presentando – scrivendolo addirittura a mano durante la seduta – un emendamento sulla modifica delle indennità di carica per i componenti del cda Aspecon. Indennità che dovevano essere ridotte del 10% ma che invece l’amministrazione comunale ha chiesto e ottenuto di ridurre quasi del 50%. Adesso (10 sì e un astenuto, Rosa) per il presidente del cda è prevista un’indennità mensile di 630 euro lordi, mentre per i consiglieri di 315 euro lordi. Approvato anche il passaggio formale ai nuovi enti di riscossione.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo