Noto: Commiato del Maestro Corrado Galzio alla moglie. A lei dedica il concerto del 1° Luglio

La donna della vita, la sposa, la madre dei suoi figli. La Penelope che lo aspettava a Noto per proteggere la loro Itaca fatta di amore, valori e musica. Mentre lui, novello Ulisse, compiva più e più volte il periplo del globo ma da lei tornava sempre, ormai “bello di fama”, quella riservata ad uno dei maggiori concertisti siciliani di tutti i tempi.

Questo – e molto altro – ha rappresentato Renata Giudice Bonfanti per il marito Corrado Galzio, per la famiglia costruita in oltre sessant’anni di matrimonio, ma anche per la loro città, che in quella gentile e assai fine signora vedeva il simbolo dell’amore per il suolo natìo: lo stesso che da quasi mezzo secolo, nonostante gli impegni internazionali, porta il celebre pianista, acclamato al di qua e al di là dell’Oceano, a dedicare a Noto il grande e articolato progetto del Festival Internazionale Notomusica e dell’Associazione Concerti. Una sfida mai facile nella terra di Sicilia, come sapevano bene Corrado e Renata.

A lei che non c’è più, scomparsa improvvisamente lo scorso gennaio, il maestro Galzio offre un commosso, amoroso tributo nella maniera che gli è più propria: il concerto “Planctus Mariae”, che si terrà il 1 luglio, alle ore 18, ad ingresso libero nella splendida Chiesa di San Carlo al Corso. Per lei ha chiesto al compositore siciliano Giovanni Ferrauto, tra i più titolati del panorama internazionale, di creare un pezzo inedito, “Le tue mani. Un ricordo di Renata”. Alla sposa che aveva saputo assecondarne la vocazione musicale, Corrado offre un commiato tutto affidato alle poesia delle note.

L’’esecuzione vedrà protagonisti artisti ed ensemble di spicco come l’’Orchestra da Camera della Camerata Polifonica Siciliana (fondata dallo stesso Ferrauto) e il Coro Perfecta Laetitia Sancti Johannis; direttore d’orchestra Francesco Domenico Falci; voce solista il soprano Chiara Vyssia Ursino.

Di rilievo la partecipazione di Giovanni Ferrauto che salirà anch’egli sul podio per dirigere, oltre al citato brano in prima esecuzione assoluta, anche la sua evocativa “Ninna nanna”. Due chicche all’interno di un variegato programma che trascorrerà dal Settecento barocco ai nostri giorni. Nelle navate risuoneranno superbe pagine mozartiane, come “Ave Verum corpus”, “Lacrimosa” dal Requiem, “Laudate Dominum” dai “Vespri solenni del confessore”. Per non dire dei suggestivi momenti dello “Stabat Mater” di Giovan Battista Pergolesi: “Cujus animam gementem” e “Vidit suum dulcem natum”. Un percorso che prevede inoltre due “Ave Maria”, di Giulio Caccini e Franz Schubert. E ancora “Panis Angelicus” di Cesar Franck e “In Paradisum” dal Requiem di Karl Jenkins, mentre dall’opera di Verdi “La forza del destino” sarà intonata “La Vergine degli angeli”.

Grande è l’attesa per questa soirée musicale che chiude la prima parte della stagione 2012 dell’Associazione Concerti e farà da preludio al XXXVII Festival Notomusica, la cui inaugurazione è fissata per il prossimo 28 luglio. Un appuntamento al quale Renata sarà idealmente presente al fianco del suo compagno di vita.

 

Orchestra da camera della Camerata Polifonica Siciliana e Coro Perfecta Laetitia

Chiara Vyssia Ursino, soprano Francesco Domenico Falci, direttore con la partecipazione di Giovanni Ferrauto

programma:

Wolfgang Amadeus Mozart – Ave verum corpus

Giovan Battista Pergolesi – Stabat Mater (“Cujus animam gementem”- “Vidit suum dulcem natum”)

Giulio Caccini – Ave Maria

Franz Schubert – Ave Maria

Cesar Franck – Panis Angelicus

Wolfgang Amadeus Mozart – Requiem (“Lacrimosa”)

Wolfgang Amadeus Mozart – Vespri solenni del confessore (“Laudate Dominum”)

Giovanni Ferrauto – Le tue mani – un ricordo per Renata (prima esecuzione assoluta)

Giovanni Ferrauto – Ninna nanna

Karl Jenkins – Requiem – “In Paradisum”

Giuseppe Verdi – La forza del destino (“La Vergine degli Angeli”)

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo