In tendenza

Noto, chiesta la condanna di Angelo Monaco, rappresentante del clan Trigila

Processo scaturito dopo l'operazione "Vecchia Maniera", il Pm ha chiesto la condanna di 5 soggetti coinvolti

Dodici anni ad Angelo Monaco: questa la richiesta formulata dal pm Alessandro Sorrentino al termine della requisitoria finale del processo che vede, tra gli altri, imputato uno dei presunti reggenti del clan Trigilia insieme con la moglie (per la quale sono stati richiesti 7 anni di reclusione) ed altre 3 persone, tra cui anche Nunziatina Bianca, moglie del boss Pinuccio Pinnintula.

Processo avviato dopo l’operazione denominata “Vecchia maniera”, scattata nel febbraio 2019 e che vedeva Monaco accusato di aver diretto ed organizzato un’associazione a delinquere per gestire il traffico di stupefacenti ed anche di un tentativo di estorsione ai danni della ditta che stava svolgendo alcuni lavori sulla Siracusa-Gela.

Il 31 marzo si svolgerà l’ultima udienza: parola alla difesa, prima dell’inizio della camera di consiglio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo