Noto, chi pesca e chi gioca a pallone in piazzetta, continuano le sanzioni dei Carabinieri

Sono 20, in totale, le persone multate dalle forze dell'ordine in un solo giorno

Il Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa, attraverso i Reparti dipendenti, continua, incessantemente, nell’attività di controllo del territorio per verificare la corretta applicazione delle misure di contenimento del Coronavirus.

Anche nella giornata di ieri in tutta la provincia si sono registrati casi di persone sorprese a circolare senza motivo valido, alcune anche a bordo di autovetture ed altre intente a dialogare tra di loro, creando assembramenti.
Sanzioni sono state elevate in Siracusa, Cassibile, Carlentini, Rosolini, Buscemi, Portopalo di Capo Passero, Noto, Avola, Augusta e Floridia.

In particolare:

ad Avola e Noto tre soggetti sono stati sorpresi in riva al mare mentre erano intenti a pescare;

Cassibile, è stato sanzionato un soggetto perché sorpreso per le vie cittadine in sella alla sua mountain bike;

a Floridia, durante l’arco notturno, è stato controllato e sanzionato un giovane proveniente da un comune limitrofo, sorpreso a circolare, senza un motivo valido, a bordo della propria autovettura;

a Noto i controlli sono stati effettuati soprattutto nelle vie periferiche della città, soffermandosi su quelle più popolose, quali via Sonnino, via Platone, via Seneca, via Fratelli Rosselli. I Carabinieri della locale Compagnia hanno elevato 20 sanzioni ad altrettante persone trovate in assembramento o comunque fuori dalle proprie abitazioni; tra questi 7 addirittura giocavano a pallone in una piazzetta. Altri soggetti, benché muniti di valida autocertificazione, sono stati sanzionati per violazioni al codice della strada per mancato utilizzo della cintura di sicurezza e del casco.

I Carabinieri, quotidianamente impegnati a garantire la corretta osservanza delle misure di contenimento rammentano che è stato fatto divieto a tutti di circolare se non per “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza” o “motivi di salute” e che le vigenti disposizioni di legge prevedono per i contravventori sanzioni da € 400,00 a € 3000,00, da aumentare fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo e da raddoppiare in caso di recidiva ed evidenziano che l’attività di monitoraggio su strada, a tutela della salute dei cittadini, si farà sempre più incisiva.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo