In tendenza

Noto, approvato in Giunta il Piano triennale delle opere pubbliche

Sono 45 gli interventi inseriti nel Piano. Focus su contrade e rete idrica

Contrade balneari e collinari, interventi per gli edifici scolastici ed un’attenzione speciale alla rete idrica ed al restauro degli edifici storici. Nei giorni scorsi la Giunta Bonfanti ha approvato il suo ultimo Piano triennale delle opere pubbliche, con qualche novità ed anche una sorpresa (l’inserimento del vecchio Littara tra i beni da recuperare).

Sono 45 gli interventi inseriti nell’elenco, tra questi spiccano i  lavori di riqualificazione a Calabernardo, nel borgo marinaro, e il completamento dei lavori nel convento di San Francesco d’Assisi all’Immacolata, ormai chiuso da oltre 10 anni.

Tanta viabilità, inoltre: ripristinare quella per l’ingresso alla Riserva Naturale di Vendicari, così come la realizzazione di un parcheggio a raso a Lido e il miglioramento dei collegamenti tra la stazione ferroviaria e viale Confalonieri. Capitolo scuole: miglioramento del plesso scolastico di Testa dell’Acqua, altra frazione collinare di Noto, e sistematica eliminazione delle barriere architettoniche nei plessi che ospitano gli istituti comprensivi di città.

Spazio anche agli interventi sulla rete idrica, in generale in tutta la città ma con particolare attenzione alle zone non ancora servite. Intervento previsto anche in zona via Bari, dove nel frattempo sono finite le indagini preliminari e si dovrebbe partire con i lavori.

Ci sono anche alcuni interventi in elenco che riguardano il restauro di edifici storici, vedi Palazzo Ducezio (previsto il restauro della facciata) e il Convento dei Crociferi (dove i lavori sono già cominciati).


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo