Noto, Alessandra Celentano, giudice di Amici: “Disciplina, consapevolezza e verità, per andare avanti nel mondo della danza”

Dal serale di Amici, fortunata trasmissione in onda su Canale 5, al Festival delle scuole di danza. Alessandra Celentano, coreografa e ballerina, è stata l’ospite d’onore della dodicesima edizione del festival, organizzato dal comune di Noto con la supervisione di Lilly Santocono, ballerina e insegnate netina, titolare della scuola danza Tersicore.

Giunta in città nel primo pomeriggio, è subito scattata la corsa all’autografo. Tante le piccole ballerine, che ne hanno approfittato per scambiare qualche parola, scattare una fotografia e farsi autografare il proprio diario. E un pizzico di emozione in più, quando sono salite sul palco, sapendo che sulla sontuosa scalinata della Basilica di San Nicolò, c’era pure lei.

Lontano dagli schemi televisivi, la Celentano si è lasciata andare anche a commenti e suggerimenti, per un mondo dello spettacolo e della danza che, nonostante le difficoltà, rappresenta ancora un punto di forza e di sviluppo.

Questa – ha raccontato durante una breve intervista realizzata all’interno della Sala degli Specchi di Palazzo Ducezio – è una terra riccha di talenti e di promesse. Ogni volta che arrivo in Sicilia, resto sopresa. C’è tanto su cui poter lavorare, e i risultati potrebbero essere anche importantissimi. Ma spesso, i più bravi sono costretti ad andare fuori Italia: per questo sarebbe opportuno sensibilizzare chi amministra a investire sempre di più sulla cultura. La danza coinvolge tutti“.

E ipotizzando di avere carte bianca per organizzare uno spettacolo in quel di Noto, la Celentano non ha avuto dubbi. “Un bel repertorio classico – ha detto – scomodando magari il compianto Roland Petit. Sulle note di Noto, città fantastica“.

E poi, i tre consigli per chi ha la danza nel cuore e nel sangue: “Servono disciplina, consapevolezza e verità

Nella foto di Paolo Interlando, la coreografa Alessandra Celentano, durante l’intervista nella Sala degli Specchi di Palazzo Ducezio.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo