Noto: Al via ieri la II Edizione della Summer School. Studenti americani, spagnoli e italiani studieranno “Il cinema in Sicilia”

Ha preso il via ieri, al Cumo di Noto, la II edizione della Summer School, che vede insieme studenti della Virginia Commonwealth University e dell’Università di Cordoba.

Otto i ragazzi che, accompagnati dal professore Oliver C. Speck e dalla professoressa Melanie Richard, per un mese studieranno <>, alternando lezioni in aula, al Cumo di Noto, ad attività esterne. Studenti americani, spagnoli e italiani studieranno insieme, leggeranno gli stessi testi, vivranno il senso e il significato della “mediterraneità “ ma, soprattutto, indagheranno come il particolare paesaggio siciliano possa divenire arte, cultura e cinema.

L’iniziativa è il risultato della proficua azione intrapresa dal Cims, Centro studi integrati del Mediterraneo, fondato dall’Università di Messina, dall’Università di Cordoba e dalla Virginia Commonwealth University allo scopo di includere il Cumo e Noto nella rete internazionale di studi avanzati del Mediterraneo.

Cumo, Cims e Virginia Commonwealth University in questo mese, inoltre, lavoreranno e studieranno insieme per formulare e condividere nuove idee e occasioni al fine di estendere la collaborazione ad altri ambiti degli studi universitari, sia nel campo artistico e umanistico che in quello scientifico.

Non si ferma, insomma, la proiezione del Cumo alle collaborazioni internazionali. A gennaio, infatti, è stato siglato un accordo con l’Università di Malta, mentre ad aprile è stata firmata una partnership con l’Università di Malta e un Centro studi della Tunisia per lo scambio di buone pratiche sulla governance dello sviluppo locale. Il prossimo ottobre, infine, il Cumo ospiterà a Noto un congresso mondiale di Pedagogia.

(Nella foto una scena del film Baarìa)
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo