In tendenza

Italy Sotheby’s International Realty apre a Noto il suo decimo ufficio in Italia

E' tra le più importanti società di intermediazione mobiliare di lusso del Mondo

La Sicilia, la maggiore tra le isole italiane per superficie e popolazione, vanta un passato ricco di cultura e tradizioni. Una storia secolare che fa di questa regione una meta ambita da turisti italiani e internazionali.

Per questo, ma non solo, Italy Sotheby’s International Realty, tra le più importanti realtà di intermediazione immobiliare di lusso, l’ha scelta come terra d’elezione per l’apertura del decimo ufficio in Italia, con sede a Noto.

Inaugurato a inizio Febbraio 2021 – in Piazza Municipio, con un meraviglioso affaccio sulla Cattedrale e sul salotto della città – è il secondo ufficio che Italy Sotheby’s International Realty apre durante la pandemia – nel Luglio 2020 era stata la volta di Arona, sul Lago Maggiore – a conferma di quanto la presenza sul territorio sia fondamentale per l’azienda.

“Negli ultimi mesi, già a partire dalla seconda metà del 2020, l’interesse per la Sicilia è fortemente aumentato, con picchi ad Agosto e Settembre superiori al 2019, in particolare per quanto riguarda l’acquisto della seconda casa e con un trend crescente di investitori che qui comprano o costruiscono – commenta il Managing Partner di Italy Sotheby’s International Realty Lodovico Pignatti Morano – In questo panorama l’apertura di Noto, dopo l’inaugurazione dello scorso Luglio sul Lago Maggiore, ci garantisce una copertura completa sul territorio italiano, da nord a sud”.

Trentacinque la proprietà attualmente in portfolio in Sicilia – da tenute storiche e Relais de charme a ville fronte mare, castelli e aziende vinicole – di cui 13 a Noto, Patrimonio dell’Unesco dal 2002. Da Palermo a Modica, si tratta di proposte esclusive che incontrano l’interesse di acquirenti provenienti da ogni parte del mondo, con francesi, belgi, tedeschi e olandesi in testa, incentivati anche del tema della Flat Tax, un sistema di tassazione attivo dal 2017 e riservato agli stranieri che possiedono un patrimonio netto elevato e decidono di trasferire la propria residenza in Italia.

Le richieste si sono spostate dai centri storici a soluzioni abitative in campagna, soprattutto nella fascia costiera e con ampi spazi esterni che garantiscano privacy e distanziamento. Ma non solo.

“Ormai da alcuni mesi – spiega Lodovico Pignatti Morano – stiamo assistendo al fenomeno del cosiddetto south working, ovvero uno smart working su ampia scala che individua nelle regioni del Sud, come la Sicilia, location privilegiate per chi voglia lavorare a distanza immerso nella tranquillità e a contatto con la natura, respirando i profumi della macchia mediterranea, con una vista mozza-fiato sul mare. Perché, oggi più che mai, a fare la differenza è la qualità della vita”.

Sulla scia di trattative importanti come quella di Palazzo Butera a Palermo, un edificio del Settecento affacciato sul mare, il nuovo ufficio di Noto – base operativa del Team Sicilia attualmente composto da 10 professionisti attivi su tutto il territorio – sarà un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono vendere, comprare o affittare in Sicilia, soprattutto a fronte dello sviluppo che ha caratterizzato questa regione negli ultimi anni.

Qui il mercato immobiliare oggi procede a doppia velocità, come rilevato a gennaio dall’Osservatorio di Immobiliare.it che nel terzo trimestre del 2020 ha registrato un leggero calo dei prezzi per acquistare un immobile e una crescita per i canoni d’affitto (+ 3,1% rispetto al trimestre precedente). Trend che sono destinati a un graduale miglioramento secondo le stime offerte dagli esperti del settore che vedono nell’industriale, nel logistico e nel residenziale/turistico i principali mercati. L’intero settore, inoltre, sarà aiutato dai tassi di interesse che continuano ad aggirarsi intorno ai minimi storici.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo