Infiorata di Noto-Benvenuta Catalunya, ci sarà la mostra di Jordi Aluma

Grande fermento ed attività alacre in vista dell’edizione 2015 dell’Infiorata di Noto – Benvenuta Catalunya. In questi giorni si stanno svolgendo riunioni e summit che hanno come primo obiettivo gli aspetti logistici per migliorare l’accoglienza e la fruizione di tutti gli eventi: sicurezza, viabilità, predisposizione di quei servizi speciali che la manifestazione richiede.

Tutti presenti in sala Giunta dal responsabile Grandi Eventi Frankie Terranova, agli assessori Cettina Raudino Sebastiano Ferlisi e Antonino Sammito (per gli aspetti specifici delle loro deleghe), al Comandante della Polizia Municipale Rosario Tona, i Responsabili dell’Ufficio di Protezione Civile, Leo La Sita, dell’Ufficio Turismo Salvatore Ricupero con Vincenzo Rizza, il Presidente del Corteo Barocco Corrado Di Lorenzo e Saverio Torino, ProcivArci Noto. Così da poter predisporre azioni e uomini per il migliore svolgimento dell’Infiorata 2015.

Manifestazione che, come più volte ricordato, quest’anno accoglie la Catalunya e pertanto fervono i preparativi non solo per la realizzazione dei tappeti lungo via Nicolaci ma anche per l’allestimento di “Casa Catalunya” dove c’è subito una notizia dell’ultimora. “Siamo molto contenti di poter confermare la presenza della prestigiosa mostra di Jordi Aluma – dichiara Frankie Terranova, capo staff dell’ente – tra i più importanti esponenti del Figurativismo, conosciuto dai più per aver firmato con le sue opere ben quattro edizioni dei Giochi Olimpici, compresa quella di Barcellona, con “Olympic Suite” e il murales nella sede del CIO a Losanna“.

91 anni ed una vena creativa sempre fervida che si potrà ammirare nei bassi del Convitto Ragusa a lui riservati; la sua vita per l’arte nella continua ricerca di evoluzioni che lo hanno portato ad esporre in ogni angolo del mondo, ad avere contatti con le Autorità più importanti, e gli artisti più famosi (in foto con il grande Salvator Dalì). Tanti anche i riconoscimenti ricevuti, come La Cruz de Sant Jordi, e la Medaglia d’oro dalla città di Barcellona. Jordi Aluma si definisce come pittore autodidatta influenzato da Jacques Villon e viene accreditato internazionalmente come uno dei massimi conoscitori della tecnica della pala.

Casa Catalunya sarà arricchita da altri artisti, tra pittori – che rappresenteranno Artsgrup, Sant Lluc Barcelona, Sant Lluc de Mataró, La Ruta de l’Art, Real Cercle Artístic de Barcelona – e scultori di terracotta, bronzo, ferro e ceramica. A casa Catalunya non mancherà la fotografia con Quim Dasquens, e poi a cura dell’Associazione Culturale Mediterraneum altri due fotografi catalani Pep Escoda, con la mostra “La forza della vegetazione”, e Ramon Giner con “Idem”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo