In tendenza

Corsa su strada, Nicolò Cucchiara conclude la terza 100 km della sua carriera: a 72 anni è campione nazionale Acsi

L'atleta netino ha partecipato all'Hybla Maior che si è corsa domenica tra Caltagirone ed Avola

Ce l’ha fatta anche questa volta Nicolò Cucchiara, 72 anni, a concludere una 100 km: dopo le due del Passatore – la gara più importante di questa tipologia – adesso la Hybla Maior, corsa domenica scorsa tra Caltagirone ed Avola, tagliando il traguardo in 17 ore 56 minuti e 23 secondi, nonostante una fastidiosa vescica al piede che lo ha costretto a rallentare in alcuni punti del difficile percorso.

Una gara pesante ma alla quale Nicolò, tesserato dell’Asd Atletica Noto (tra i primi a complimentarsi con lui la presidente della società, Veronica Pennavaria),  si era preparato in grande stile, con allenamenti particolari: una serie di lunghi che gli hanno permesso di mettere nelle gambe più di 3mila chilometri, consumando ben 6 paia di scarpe. Il caldo ha cambiato un po’ le carte in tavola, ma a questo il podista netino – che in passato ha partecipato anche alla maratona di New York – era preparato.

“Ho lavorato proprio per adattare il mio organismo a smaltire l caldo ed a sopportarlo – racconta – modificando anche alcune regole degli allenamenti. I lunghi tra Pachino, Marzamemi, Noto, San Corrado di Fuori e Testa dell’Acqua, mi hanno aiutato: mi allenavo 4 volte alla settimana puntando, ovviamente,  sulla resistenza e non sulla forza, sfruttando i tempi di recupero e lavandomi spesso con l’acqua fredda anche fuori stagione”.

Tutto è andato bene: ad accogliere Nicolò al traguardo c’erano la moglie Corrada e la figlia Vittoria, le sue prime tifose e le prime persone a cui ha voluto dedicare l’impresa, per poi rivolgere un pensiero all’amico Santo Monaco.

C’è di più: durante il percorso, Cucchiara ha incrociato un partecipante che arrivava da Rieti e che si era smarrito: hanno “fatto” strada insieme, per poi separarsi poco prima di Avola Antica.

Poi l’arrivo al traguardo, gli abbracci con moglie e figlia e la premiazione. Ed il ritorno a casa: medaglia già appesa e nuovo conto alla rovescia cominciato.

“A maggio 2021 voglio partecipare alla 100 km del Passatore – conclude – ma prima un po’ di riposo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo