Obbligo delle mascherine nei luoghi al chiuso: nuova ordinanza del Ministero della Salute

C’è chi evidenzia il mancato invito e chi, invece, che la Sp 19 è ancora chiusa. Il giorno dopo la riapertura della bretella Noto-Pachino

Dito puntato contro l’assessore Falcone

Il gruppo parlamentare Ora se la prende con l’assessore Falcone per il mancato invito, invece l’ex deputato regionale Enzo Vinciullo insieme con due consiglieri comunali di Portopalo evidenziano come ci sia poco da festeggiare perché la Sp19 Noto-Pachino resta comunque chiusa. Eccolo il giorno dopo la riapertura della bretella sulla Noto-Pachino, tra polemiche  e rivendicazioni.

Troviamo altamente offensiva la scelta dell’Assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, di non invitare, in occasione dell’apertura al traffico della bretella Noto-Pachino celebrata, i deputati regionali eletti nella provincia di Siracusa”. Così i tre esponenti del gruppo parlamentare “Ora Sicilia”, Pippo Gennuso, Luigi Genovese e Luisa Lantieri.

Un atteggiamento assolutamente contrario ai principi fondamentali del rispetto istituzionale e del buonsenso – aggiungono i tre parlamentari regionali – che non possiamo non stigmatizzare e rispetto al quale attendiamo un chiarimento da parte dell’assessore Falcone, protagonista di un incidente istituzionale che francamente non ci aspettavamo”.

Discorso ad ampio raggio, invece, quello dell’ex deputato regionale Enzo Vinciullo dei consiglieri Chiaramida e Lupo di Portopalo.

“Resta ancora – dicono – chiusa la Strada Provinciale 19 che da Noto porta a Pachino e Portopalo, l’ultimo pezzo nei pressi della cosiddetta “cianata di Maria” sotto il ponte autostradale non è nemmeno asfaltato. Prendiamo atto che chi inaugura strade volute da altri non conosce nemmeno cosa scrive e ora andiamo avanti in attesa della terza inaugurazione. Saremmo curiosi di sapere come hanno fatto ad avere i collaudi, dal momento che la strada non è stata ancora completata. Tuttavia, non possiamo non essere soddisfatti perché un’opera da noi così tanto desiderata e voluta, cioè la bretella autostradale e non la SP19 Noto-Pachino, finalmente viene aperta al pubblico. Bastava dire la verità, hanno concluso Vinciullo, Chiaramida e Lupo, e nessuno avrebbe polemizzato. Ma conoscono la verità?”.

“L’apertura al traffico della bretella che collega la provinciale Noto-Pachino all’autostrada è una buona notizia per la viabilità siracusana e in particolare della zona sud. La soluzione che alla fine è stata adottata, segue quell’indicazione che avevamo dato sin dalle prime battute di questa vicenda, mal gestita in avvio da Regione e Cas in primo luogo”. A dirlo sono i parlamentari Paolo Ficara e Filippo Scerra (M5s) e il deputato regionale, Stefano Zito (M5s). “Avere avuto il buon senso di ascoltare quella proposta è un bel segnale di collaborazione, anche nei confronti di quei territori che rischiavano l’isolamento e che, anche tramite il comitato cittadino e gli attivisti del Movimento 5 Stelle, sono invece riusciti a levare forte la loro voce fino a Palermo. E questo grazie anche all’attenta mediazione della Prefettura di Siracusa”, ricordano gli esponenti cinquestelle.

“Abbiamo incontrato diverse volte il comitato cittadino che ha esposto le ragioni del no alla chiusura della provinciale senza alternative, raccogliendone le istanze poi tradotte in svariati solleciti alla Regione”, ricordano Ficara, Scerra e Zito.

“È lecito ora attendersi che ogni sforzo venga concentrato sulla incompiuta Siracusa-Gela. Regione e Consorzio Autostrade Siciliane si concentrino sul completamento dell’autostrada sperando che il cantiere possa riprendere presto a pieno regime. Spingendosi fino nel ragusano, nessuno pensi di aver fatto qualcosa di straordinario”, il monito degli esponenti cinque stelle.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo