Notomusica: protagonista l’Ensemble Goffriller con musiche di Mozart e Dvoràk

Appuntamento mercoledì 7 agosto 2019, ore 21.15, Cortile del Collegio dei Gesuiti

Approda a Notomusica il prestigioso Ensemble Goffriller, composto da Vito Imperato (violino), Giovanni Anastasio (violino), Luigi De Giorgi (viola), Benedetto Munzone (violoncello), Epifanio Comis (pianoforte). L’appuntamento è per mercoledì 7 agosto alle ore 21.15, come di consueto nel Cortile del Collegio dei Gesuiti.

In programma due straordinarie pagine cameristiche. Apre il Grand Quintetto tratto dalla mozartiana Serenata n. 10 in Si bemolle maggiore K 361 nota anche come “Gran Partita”, l’arraggangiamento di Christian Schwenke è per flauto, violino, viola, violoncello e pianoforte. Flauto solista un virtuoso del calibro di Claudi Arimany. Seguirà un’altra composizione di estremo interesse e fascino come il tardoromantico Quintetto per pianoforte n. 2 in la maggiore, op. 81 di Antonin Dvoràk.

L’Ensemble Goffriler, fondato da Epifanio Comis, è una formazione strumentale costituita da musicisti docenti presso il Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Catania. L’Ensemble combina l’arte di cantare, propria degli archi, con il suono del pianoforte, mirando a quel connubio perfetto che rivela le caratteristiche peculiari delle formazioni cameristiche del genere. L’Ensemble nasce dal fecondo scambio di esperienze artistiche intercorso tra musicisti di riconosciuto valore, formatisi nelle accademie di più alto livello presenti in Italia (Accademia Chigiana di Siena e Accademia Walter Stauffer di Cremona) e attivi sia nelle formazioni sinfoniche che cameristiche di maggior prestigio. Dalla primavera del 2018 l’Ensemble Goffriller è titolare del “Corso di Alto Perfezionamento per Quartetto d’Archi” presso la “Rachmaninov Academy” di Catania ove l’Ensemble è Artist in Residence.

Numerose inoltre le collaborazioni con concertisti di fama internazionale nelle più svariate formazioni, dal trio al quartetto d’archi, dal quintetto con pianoforte al sestetto d’archi. L’elasticità di formazione dell’Ensemble, consente la realizzazione di un vasto repertorio, dal Barocco al Novecento, che esalta le peculiarità interpretative di ciascun componente. Vincitori di concorsi nazionali ed internazionali, anche in veste solistica, i membri dell’Ensemble vantano un intenso e caratterizzante rapporto con alcuni compositori viventi, i cui lavori rappresentano una continua occasione di approfondimento e di affinamento della loro concezione poetico-interpretativa.

Gli archi dell’Ensemble Goffriller hanno il privilegio di suonare quattro prestigiosi strumenti: Violini Matteo Goffriller, Venezia 1710 e Luigi Mingazzi, Ravenna 1922; Viola Joannes Florenus Guidantus, Bologna 1692 (appartenuta al M° Bruno Giuranna); Violoncello Fausto Cacciatori, Cremona 1993.

Claudi Arimany si è sempre esibito come artista solista, ma ha condiviso il palcoscenico con personaggi di spicco, come Jean-Pierre Rampal , Maxence Larrieu , Aurèle Nicolet Constantine Orbeliani, Victor Pikaisen, Janos Rolla, Jean-Jacques Kantorow, Nicanor Zabaleta, Marielle Nordmann, Mischa Maisky Victoria de los Angeles, Roland Pidoux e Claudio Scimone.

Il suo lavoro come attore di livello internazionale lo ha portato a suonare in importanti sale da concerto, come il Chicago Symphony Center , la Washington Library of Congress , la Carnegie Hall di New York Boston Symphony Hall , il Palau de la Musica Catalana di Barcellona, il Amsterdam Concertgebouw , la casa di Beethoven a Bonn, l’ Auditorium Nazionale della Musica a Madrid, il Palais Auersperg a Vienna, la Sala da concerto di Pechino , l’Hollywood Bowl a Los Angeles, il Conservatorio Ciajkovskij di Mosca, il Teatro Real a Madrid, il Rudolfinum e il Teatro Smetana a Praga, il Gasteig a Monaco, la Liederhalle a Stoccarda, il Théâtre des Champs-Élysées, la Salle Pleyel e la Salle Gaveau a Parigi, la Suntory Hall e la Bunka Kaykan a Tokyo e la Konzerthaus a Vienna.

Il Festival Notomusica, promosso e sostenuto da Mibac-Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Assessorato Regionale al Turismo e Comune di Noto, è organizzato e prodotto dall’Associazione Concerti Città di Noto, fondata da Corrado Galzio nel 1975


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo