Noto, visita al Trigona della Commissione Sanità. La presidente Ruvolo: “Aspettiamo l’esito del bando per i medici i pensione”

Per il sindaco Bonfanti: "Siamo vicini alla riapertura del Pronto Soccorso"

Dopo Siracusa e Avola, Noto. Si è conclusa poco fa l’ispezione dei componenti della commissione Sanità all’Ars nel nosocomio netino, con la presidente Margherita Ruvolo che accompagnata dal sindaco Corrado Bonfanti ha visitato i reparti, aperti e chiusi, della struttura di via dei Mille, scoprendo una struttura ben lontana da sembrare un ospedale destinato alla chiusura.

“C’è poco da dire sul presidio, tenuto bene anche se attivo a metà e con servizi che altri ospedali possono sognarsi – ha detto la deputata regionale dell’Udc – ma forse le strade d’accesso lasciano a desiderare. Non so se questo Governo Musumeci ha delle responsabilità su quanto sta succedendo, e questo è giusto che la gente lo sappia. Così come è giusto si sappia che l’assessore alla Salute Razza è molto seccato per la questione Pronto Soccorso: aspettiamo l’esito del bando dell’Asp per reclutare i medici in pensione e poi vedremo. Certo, se non dovesse rispondere nessuno, il problema poi si sposterà a Palermo e bisognerà decidere il da farsi”.

“Per quel che concerne, invece, l’ospedale Trigona di Noto – dice la parlamentare Rossana Cannata – per la riapertura del pronto soccorso bisognerà attendere la conclusione della procedura di reclutamento dei medici il cui avviso scade domani per poter procedere ad ulteriori iniziative. Attivati, inoltre, da ieri sei posti per il ricovero in lungodegenza a Noto e accolta la richiesta da parte dell’assessorato della salute per l’autorizzazione all’esternalizzazione della Rsa di Pachino in modo da procedere all’iter di attivazione”.

Ad accompagnare la presidente Ruvolo c’era il sindaco Corrado Bonfanti, soddisfatto per lo svolgimento della giornata.

“Ringrazio la presidente La Rocca Ruvolo – ha detto –  per la proficua giornata di lavoro prima a Siracusa e dopo con il sopralluogo allo stabilimento  Trigona di Noto. Appena ricostituita la squadra di medici, anche con quelli che hanno aderito all’invito in quanto già in pensione, si ristabiliscono le condizioni ex ante per il nostro Pronto Soccorso. Per tutte le altre questioni si apre un mondo con una opportunità specialistica di tutto rilievo. Intanto noi teniamo alta l’attenzione e proseguiamo con una protesta civile per rivendicare le nostre ragioni”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo