Noto, si dimette il vicesindaco Frasca: “difficile proseguire come se nulla fosse accaduto”

La lunga lettera con cui l'ormai ex assessore ai Lavori pubblici motiva la scelta di fare un passo indietro

Lettera aperta dell’ormai ex vicesindaco e assessore Frasca dopo il psssaggio del sindaco Bonfanti in Forza Italia:

“Nella giornata di oggi e dopo aver ascoltato i pareri dei componenti il comitato cittadino del circolo PD, ho rassegnato le dimissioni da assessore e vicesindaco di Noto. La nuova fase politica aperta dal Sindaco Corrado Bonfanti, con la Sua adesione a Forza Italia, rende difficile proseguire come se nulla fosse accaduto. In un momento politico caratterizzato da scontri, odio, razzismo, servono scelte improntate a chiarezza e trasparenza. Il popolo del centrosinistra non capirebbe la collaborazione del PD con una forza che, al momento, cerca supinamente di unire i moderati ad una destra sovranista e illiberale.

In questi due anni e mezzo ho messo il massimo impegno nella gestione delle deleghe che mi erano state assegnate. Sempre in giro con predisposizione all’ascolto, ho lavorato con umiltà e correttezza nell’esclusivo interesse della città. Tanti lavori avviati e tanti pronti per l’avvio (tra questi ultimi la risistemazione della Villa comunale, attualmente in uno stato di grave degrado). Un solo cruccio: le difficoltà nella lotta alle discariche abusive.

Un grazie a tutti i dipendenti comunali con cui ho collaborato e, in maniera particolare, a quelli che ho spesso stressato per il raggiungimento degli obbiettivi dell’amministrazione. In tempi di blocco del turn over e di norme che procurano una enormità di adempimenti, i dipendenti comunali rappresentano un’importante risorsa per il buon funzionamento della macchina comunale. Ringrazio i funzionari dell’Aspecon, con i quali mi sono continuamente interfacciato, e i dipendenti di Roma Costruzioni srl, il cui lavoro è prezioso per la pulizia e il decoro della città. Un grazie doveroso al circolo PD di Noto per avermi indicato per l’incarico nella Giunta comunale e al Sindaco Corrado Bonfanti per avermi sempre dimostrato massima fiducia nell’espletamento del mandato, assicurandomi sempre grande autonomia, sia nell’attività quotidiana che nel rappresentarLo.

Amministrare la città e rappresentarla nelle occasioni istituzionali (fra tutte mi piace ricordare la processione di San Corrado del 19 febbraio dell’anno scorso, la consegna delle bandiere verdi alle nostre spiagge, la consegna del  premio Noto Antica all’egittologo Zahi Hawass e del premio Grifone d’Argento a Donatella Bianchi), sono state per me un grande onore.

Oggi si chiude una fase che ha visto il Pd, per quasi otto anni, contribuire alla crescita impetuosa della città.

Occorre, ora, una serena riflessione per non disperdere quanto fin qui è stato fatto e lavorare alla costruzione di un nuovo centrosinistra, non necessariamente minoritario, che possa rappresentare le istanze di quanti vogliono impegnarsi per un’ulteriore crescita della città, che sia compatibile con il rispetto dei luoghi, del decoro urbano e dei residenti.

Noto bisogna amarla, sempre e a prescindere”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo