Noto, ruba le carte di credito e preleva negli sportelli bancomat: arrestato

Nei quattro episodi registrati infatti, sono stati prelevati in più tranche rispettivamente 1000 euro, 750 euro, 500 euro e 1.950 euro

I Carabinieri della Stazione di Siracusa Principale, su delega della Procura della Repubblica di Siracusa, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Siracusa, nei confronti di Giuseppe D’Amico, classe 1982, netino disoccupato con precedenti di polizia, ritenuto responsabile, di furto aggravato, ricettazione ed indebito utilizzo di carte di pagamento/credito.

La complessa attività investigativa, coordinata dal Procuratore Fabio Scavone e diretta dal Pubblico Ministero Carlo Enea Parodi, è stata condotta dai militari avvalendosi sia di metodi tradizionali che di supporti tecnici come l’esame di filmati di video sorveglianza, che hanno evidenziato le modalità operative con cui D’Amico, dopo essersi impossessato indebitamente di carte di debito/credito custodite all’interno di vetture lasciate aperte dai legittimi proprietari all’interno di abitazioni rurali, si recava negli sportelli bancomat di Canicattini Bagni, Cassibile e Floridia, ove prelevava quanto più denaro possibile.

Le vittime avevano contezza del furto di denaro in atto per mezzo degli sms inviati automaticamente dalle banche interessate e pertanto provvedevano poi a bloccare le carte e a sporgere denuncia. Tuttavia in questo breve frangente di tempo, il responsabile riusciva comunque a prelevare cospicue somme di denaro. Nei quattro episodi registrati infatti, sono stati prelevati in più tranche rispettivamente 1000 euro, 750 euro, 500 euro e 1.950 euro. Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di risalire al responsabile dei furti mettendo a sistema gli orari dei prelevamenti con l’esame delle telecamere degli istituti di credito e delle vie adiacenti, che hanno consentito di riconoscere senza alcun dubbio D’amico Giuseppe come l’autore di essi.

L’arrestato, dopo aver espletato le formalità di rito nella Stazione Carabinieri di Siracusa Principale è stato condotto agli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria. I Carabinieri della Compagnia di Siracusa consigliano ai cittadini, di non custodire mai il pin della carta di debito/credito assieme alla carta stessa, neppure in forma mascherata con l’aggiunta di zeri o altre cifre, ciò al fine di rendere molto più complessa la possibilità di prelevare denaro da carte rubate o smarrite.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo