Noto, reinquadramento del personale comunale: la Cisl chiede un incontro col sindaco

Subito un confronto con il sindaco di Noto per avere chiarezza sull’intero iter di reinquadramento delle categorie C e D del personale” la richiesta di Daniele Passanisi e Letizia Ragazzi

Subito un confronto con il sindaco di Noto per avere chiarezza sull’intero iter di reinquadramento delle categorie C e D del personale”. A sollecitare un dialogo con l’amministrazione comunale netina sono stati il segretario generale della Funzione pubblica della Cisl di Siracusa e Ragusa, Daniele Passanisi e la responsabile del Dipartimento Autonomie locali della Fp Cisl di Siracusa e Ragusa, Letizia Ragazzi.

I sessantacinque lavoratori hanno subìto negli anni scorsi un declassamento ed hanno chiesto adesso un risarcimento all’ente e sono pronti a rinunciarvi – hanno detto Passanisi e Ragazzi – con l’entrata a regime del loro reinquadramento. Chiediamo, però, al sindaco un’integrazione oraria attraverso il reperimento di risorse che già in precedenti confronti abbiamo dimostrato esserci. Siamo dunque disponibili a compiere un passo indietro, ma l’ente comunale attraverso il sindaco che dallo scorso luglio non ci ha più risposto né incontrato preferendo solo memorie scritte, deve dimostrare la medesima disponibilità a compiere un passo avanti a favore del personale interessato al reinquadramento”.

Passanisi e Ragazzi quindi auspicano un ritorno alle normali relazioni istituzionali. “Non possiamo tollerare – concludono i due sindacalisti – questo tipo di relazioni sindacali imposte in modo unilaterale dal sindaco contravvenendo, tra l’altro, ai dettati contrattuali e quindi passibili di censure antisindacali. La vicenda va chiarita attraverso un confronto sui temi e sui tempi dell’intero percorso dimostrando apertura e volontà”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo