Noto, Piano Alto: il 56enne arrestato per tentato omicidio del barbiere. Era stato “trattato male”

Solo l’inceppamento dell’arma ha scongiurato il peggio, difatti erano presenti anche altre persone all’interno del salone, già sentiti dai militari per la ricostruzione dei fatti

Nel corso del primo pomeriggio di ieri, giovedì primo febbraio, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto hanno tratto in arresto Antonio Franco, classe 1962, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti, in quanto responsabile del tentato omicidio di un barbiere netino.

Nella circostanza l’uomo, barbiere del “Piano alto” della città barocca, avrebbe chiesto a Franco il pagamento di un taglio di capelli eseguito presso il suo salone nel mese di dicembre per una decina di euro circa. La richiesta ha provocato la spropositata reazione del reo che, risentito per la pretesa di pagamento, tornato a casa, impugnata una pistola cal.9, illegalmente detenuta, avrebbe aperto il fuoco contro il barbiere responsabile di aver “trattato male” Franco, come da lui stesso riferito ai militari che lo hanno bloccato poco distante dal luogo dell’esplosione dei colpi.

Solo l’inceppamento dell’arma ha scongiurato il peggio, difatti erano presenti anche altre persone all’interno del salone, già sentiti dai Carabinieri per la ricostruzione dei fatti. Il barbiere, recatosi al pronto soccorso dell’ospedale Trigona di Noto, è stato immediatamente soccorso e successivamente dimesso con diversi giorni di prognosi.

Condotto in caserma, accertata la dinamica dei fatti, Franco è stato dichiarato in stato di arresto e, al termine delle formalità di rito, è stato portato alla casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi