Noto, nascosta l’insegna del Pronto Soccorso, l’Asp diffidata dai Medici di Continuità Territoriale

Intervento notturno per evitare di confondere i pazienti che pensano di ritrovarsi una struttura con gli opportuni servizi

L’Asp di Siracusa su diffida dei Medici di Continuità Assistenziale ha provveduto a nascondere e velare l’insegna Pronto Soccorso al Trigona di Noto.

L’operazione è scattata mercoledì notte, provocando anche un pizzico di malumori tra i cittadini netini, con un gruppo che si è subito recato al nosocomio di via dei Mille par capire cose stesse succedendo. La notizia è poi rimbalzata sui social, provocando rumore e paure, anche perché nei giorni scorsi era stata paventata una possibile riapertura del pronto soccorso netino.

Da quanto ricostruito, l’Asp di Siracusa è intervenuta a seguito di una diffida, con possibile esposto sia all’Ispettorato del Lavoro, sia alla Procura della Repubblica, presentata dai Medici di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) attraverso uno studio legale netino.

Tutto questo perché l’insegna con la scritta “Pronto Soccorso” rischia(va) di trarre in inganno eventuali utenti che raggiungevano il Trigona convinti di trovare l’emergenza-urgenza e determinati servizi. Dal 3 luglio, infatti, il reparto del Trigona è stato chiuso per mancanza di personale e al momento è stato trasformato in Guardia Medica, con conseguente trasferimento dei pazienti all’ospedale Di Maria di Avola.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo