Noto, minacce e offese su Facebook a Paolo Borrometi: denunciato un 19enne

Il primo dicembre scorso appariva sulla pagina Facebook del profilo di un uomo in corso di identificazione, un post intimidatorio nei confronti del giornalista

Nella giornata di ieri, al termine di una celere attività investigativa, personale di Polizia giudiziaria del commissariato di Noto ha denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria competente P. J., netino di 19 anni per i reati di istigazione a delinquere, minacce e diffamazione, aggravati dalla diffusione per via telematica.

In particolare il primo dicembre scorso appariva sulla pagina Facebook del profilo di un uomo in corso di identificazione, un post intimidatorio nei confronti del giornalista antimafia Paolo Borrometi. Il post scatenava i commenti offensivi e altrettanto intimidatori di alcuni soggetti tra i quali l’odierno indagato. Quest’ultimo, partecipando alla discussione social, istigava gli altri concorrenti nel reato ad attivare le ricerche del giornalista  offendendone la reputazione e minacciando nei suoi riguardi un danno ingiusto: “Si andiamolo a prendere è una spia sta merda”.

Gli agenti, espletate le indagini, venivano a conoscenza che tale individuo era netino motivo per cui dopo aver scaricato la pagina Facebook incriminata, a riscontro della condotta delittuosa tenuta dallo stesso e dal gruppo, individuava il giovane 19enne e convocatolo in commissariato lo deferiva per istigazione a delinquere, minacce, e diffamazione, reati aggravati dall’uso del mezzo mediatico.

Sono al vaglio investigativo le individuazioni delle responsabilità penali degli altri concorrenti nel reato residenti al di fuori della provincia siracusana.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi