Noto, da Falcone e Borsellino a Camilleri e Pirandello: Leo Gullotta racconta la Sicilia

E’ partito dalla leggenda di Colapesce, ha raccontato il dramma dell’immigrazione al contrario di come siamo abituati a vederlo adesso: la Sicilia che adesso accoglie i migranti africani era la stessa regione che decenni fa vedeva scappare via i propri abitanti che andavano alla ricerca di una nuova vita

Leo Gullotta all'inizio dello spettacolo

Dai miti siciliani alle poesie di Ignazio Buttita, passando per i capolavori letterari di Andrea Camilleri e Luigi Pirandello, ricordando le figure di Pippo Fava, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Leo Gullotta ha raccontato la Sicilia attraverso autori storici e contemporanei, esaltando nel suo “Minnazza”, spettacolo con cui è andato in scena martedì sera al teatro Tina Di Lorenzo di Noto (regia di Fabio Grossi, musiche di Germano Mazzocchetti e video di Mimmo Verdasca), i tanti drammi che, purtroppo, hanno visto e vedono protagonista la nostra isola.

Lo ha fatto a modo suo: passionale nel modo di recitare e coinvolgere il pubblico a cui ha strappato anche qualche sorriso intercalando momento di riflessione, spesso in siciliano, su quello che è successo in Sicilia negli ultimi anni. È partito dalla leggenda di Colapesce, ha raccontato il dramma dell’immigrazione al contrario di come siamo abituati a vederlo adesso: la Sicilia che adesso accoglie i migranti africani era la stessa regione che decenni fa vedeva scappare via i propri abitanti che andavano alla ricerca di una nuova vita. Ha raccontato le vite di Pippo Fava, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, passando anche dagli scritti di Tomasi di Lampedusa e Andrea Camilleri.

Con una chiosa finale e un pizzico polemica. Quando ha mostrato la Costituzione ha detto che “altro non è che la Carta della nostra libertà. Che però non si studia più a scuola. Il perché non lo so, ma so che la nostra Costituzione non cammina da sola, va foraggiata e “aiutata” a crescere…”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi