Noto, donna si sente male nella spiaggia di Reitani, salvata dai bagnini

I “baywath” siciliani hanno soccorso la donna utilizzando il kit di rianimazione e tre bombole d’ossigeno dello stabilimento balneare “Agua”

Avrebbe accusato un malore, dovuto a problemi respiratori, mentre si trovava in spiaggia col marito, e si è accasciata sull’asciugamano. Una turista di 60 anni è stata salvata ieri pomeriggio da tre bagnini Francesco Atanasio, Riccardo Pepe e Roberto Guglielmino, della cooperativa Lifeguard, sull’arenile libero di contrada Reitani.

A raccontare il salvataggio è uno dei ragazzi che si sono prodigati ad intervenire. “E’ avvenuto intorno alle 17 – ha raccontato il bagnino Francesco Atanasio – e mentre eravamo in servizio di vigilanza in mare, ci hanno segnalato una donna in precarie condizioni di salute. Quando siamo giunti, la donna aveva problemi di respirazione e si era già accasciata sull’asciugamano”.

Così i “baywath” siciliani hanno soccorso la donna utilizzando il kit di rianimazione e tre bombole d’ossigeno dello stabilimento balneare “Agua”. Dopodiché la turista si è ripresa ed è stata trasportata con l’ambulanza del 118 di Rosolini all’ospedale “Di Maria” di Avola.

Mi auguro – ha aggiunto Atanasio – che le istituzioni possano supportare il nostro lavoro. Nelle spiagge libere, ad esempio, non ci sono kit per la rianimazione disponibili. Prevederli sarebbe una cosa importate”.

Sebastiano Diamante


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo