Noto, controlli interforze nella zona collinare, individuati circa 50 bovini allo stato brado, multata l’azienda proprietaria

Elevate quasi 13mila euro di sanzioni

Controlli sul territorio di Polizia, Carabinieri, Finanza, Asp di Siracusa, Polizia Municipale e Corpo forestale Regione Siciliana nell’area collinare di Noto dove è frequente il fenomeno di animali vaganti ed elevato il rischio per gli utenti della strada sotto il profilo della sicurezza stradale .

In particolare, il personale interforze, si è recato in località Porcari, tenere di Noto, ove individuava circa 50 bovini allo stato brado che, infastiditi dalla presenza degli operatori di Polizia, si allontanavano in aperta campagna rendendosi inavvicinabili.

L’attività di sopralluogo era resa ancor più ostativa dalla natura impervia del terreno e dalla sua vastità. Venivano esperiti vari tentativi volti alla identificazione dei bovini, riuscendo a contenere uno dei capi bovini della mandria, procedendo così alla lettura visiva della marca auricolare.

Dagli accertamenti emergeva  che il capo in questione risultava intestato ad un’azienda avente sede in Tortorici (Messina) e la detentrice risultava deceduta a Messina nel 2018. Nei pressi della mandria , veniva altresì rinvenuta una marca auricolare ed il cui detentore noto a questi uffici, nato a Tortorici, era vedovo della defunta su menzionata.

Alla luce di ciò, il personale Asp del dipartimento veterinario ha proceduto a formalizzare  a carico del titolare dell’azienda interessata avente sede in Tortorici, e dunque nessun titolo per svolgere il pascolo nel territorio netino, una multa di 4530 euro per assenza del codice pascolo, mancanza di comunicazione della movimentazione dei bovini, assenza dei controlli di profilassi prima della movimentazione, assenza del modulo di provenienza per un ammontare complessivo.

Altre 2 multe, di importo pari a circa 4.300 euro, sono state elevate per i controlli svolti a dicembre in contrada Torresena, sempre verso titolari di aziende con sede a Tortorici e quindi non autorizzate al pascolo in zona.

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo