Noto, chiudono Pediatria, Ostetricia e Neonatologia all’ospedale Trigona: personale trasferito ad Avola e Siracusa

La Cisl: "una decisione paradossale che svuota un territorio che serve un’utenza media di almeno 120 mila persone che, in estate, raggiunge anche le 200 mila. È incredibile che si chiudano questi tre raparti adducendo il motivo della mancanza di pediatri"

Sanità siracusana: un passo avanti e tre indietro. Da domani, mentre nel capoluogo si inaugurerà il ristrutturato reparto di Ostretricia, a Noto chiusura delle Unità Operative Complesse di Pediatria e Ostetricia e quella Semplice di Neonatologia.

Da domani nascite vietate a Noto – commentano il segretario generale della Ust Cisl Ragusa Siracusa, Paolo Sanzaro, e il segretario generale territoriale della Cisl Medici, Vincenzo Romano – Una decisione paradossale che svuota un territorio che serve un’utenza media di almeno 120 mila persone che, in estate, raggiunge anche le 200 mila. È incredibile che si chiudano questi tre raparti adducendo il motivo della mancanza di pediatri. Figure professionali che, dopo essersi formati qui, preferiscono andare altrove perché non rassicurati da strutture e organizzazione. Da domani tutto il personale medico ed infermieristico di quei tre reparti, sarà trasferito in massa e distribuito negli ospedali di Avola e Siracusa. Si lascia sguarnito un territorio e si toglie un riferimento di assistenza ai cittadini”

La decisione arriva alla vigilia dell’inaugurazione del nuovo reparto Ostetricia dell’Umberto I di Siracusa che domani sarà aperto ufficialmente dal presidente della Regione Musumeci e dall’assessore alla Sanità Razza.

Sicuramente positivo quanto avviene nel capoluogo – aggiungono ancora Sanzaro e Romano –, ma riteniamo inaccettabile questa decisione che elimina Noto dal sistema sanitario e non ci rassicura sicuramente chi sostiene che si tratta di una chiusura provvisoria. Tutto quello che sta accadendo sembra un inevitabile preludio a ciò che subirà la sanità siracusana. Piuttosto che guardare al dito, parlando esclusivamente del nuovo ospedale di Siracusa, ci si concentri sulla difesa della sanità nella nostra provincia. Tre reparti chiusi da domani e ben quindici anestesisti che si trasferiranno al nuovo ospedale San Marco di Catania. L’ennesimo episodio che allunga i tanti scippi consumati a danno del nostro territorio in favore del vicino capoluogo etneo. Questa parte di sud est siciliano non può essere visto come colonia e terra di conquista; si rialzi la testa e si difenda il futuro di questo territorio.”

Sulla chiusura della Uoc (Unità Operativa Complessa) di Ostetricia dell’Ospedale Avola – Noto, interviene anche Daniele Passanisi, segretario della Fp Cisl. Per il sindacalista la chiusura provoca una profonda ferita alla garanzia del relativo servizio sanitario di assistenza per i cittadini della zona sud della provincia di Siracusa che ne vengono privati in maniera così repentina.

È proprio l’immediatezza dell’azione, senza nessun campanello di allarme, che ci suscita la perplessità di un atto così rilevante – commentano il segretario generale della UST Paolo Sanzaro e della FP Ragusa Siracusa Daniele Passanisi – Non poniamo dubbi sulla necessità di dover ricorrere alla chiusura del reparto al fine di garantire la sicurezza delle nascite, ma ci appare altrettanto scontato che serve subito un confronto con il sindacato per cercare di individuare le soluzioni, se del caso anche attraverso la sensibilizzazione del Governo regionale, ad una problematica di grande rilievo e di forte impatto sulla collettività e sui lavoratori, anche per scongiurare il rischio che una situazione contingente e temporanea possa tramutarsi nel presupposto di una chiusura definitiva. L’eventuale trasferimento dei lavoratori all’Ospedale “Umberto I” va discusso, – aggiungono i due segretari – perché è impensabile che nonostante la nuova realizzazione dei locali dell’equivalente servizio quest’ultimo possa sopperire alle richieste di parto, e non solo, con la semplice aggiunta di qualche unità di personale. La questione è urgente e per questo stiamo provvedendo ad avanzare all’Amministrazione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa istanza di convocazione per un confronto indispensabile per porre rimedio ad una emergenza che, stante l’esito della programmazione strategica, evidenzia l’inconfutabile esigenza di una forte assunzione di responsabilità, non ultima della Politica.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo