Noto, Casa Pound occupa il reparto di Ginecologia del Trigona: “è un’azione pacifica”

Questa mattina alcuni militanti hanno vietato l'ingresso in corsia (vuota, ovviamente) anche al direttore sanitario Rosario Di Lorenzo

Questa notte i militanti di CasaPound hanno occupato l’ospedale Trigona di Noto barricandosi all’interno. Il gesto é connesso alla chiusura dei reparti di ginecologia e ostetricia che da oggi sarebbero dovuti essere dismessi.
“Pezzi importanti della città, nei suoi servizi e nel suo patrimonio, stanno sparendo e con essi anche l’ospedale Trigona. La causa? Le politiche miopi e d’affaccio delle istituzioni  incapaci di tutelare servizi essenziali del nostro territorio – afferma in una nota Andrea Azzaro Insenga, coordinatore netino di CPI –  la rifunzionalizzazione della rete ospedaliera regionale, a dispetto delle necessità, sembra vedere ineluttabilmente penalizzata la zona sud della Provincia di Siracusa. Noi non ci stiamo”. 
“Abbiamo deciso di intervenire in maniera drastica accanto a quella parte di città che da giorni sta manifestando con un presidio permanente presso il nosocomio, occupando il reparto di ostetricia e ginecologia, ultimo chiuso in ordine di tempo – continua Azzaro – al fine di portare ad un livello superiore la protesta”.
“Non interrompiamo alcun pubblico servizio, anzi, ci battiamo affinché ciò non avvenga in maniera permanente con la dismissione in atto del reparto. Si tratta di un’azione pacifica ma allo stesso tempo determinata a raggiungere in extremis – conclude il coordinatore di CasaPound – i risultati che le istituzioni locali non sono riuscite ad ottenere creando un danno irreparabile alla cittadinanza”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo