Noto, Carabiniere libero dal servizio arresta due ladri che volevano svaligiare villette

L’intervento del militare ne ha bloccato la fuga: questi, infatti, si è intromesso all’interno dell’autovettura riuscendo a disinserire le chiavi dal cruscotto

Da sin. Bono e D'Amico

Proseguono con incisività i servizi posti in essere dai Carabinieri della compagnia di Noto finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio e al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nella mattinata di ieri, 2 gennaio, un militare del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Noto, libero dal servizio, ha tratto in arresto Giuseppe D’Amico, classe 1982, e Giuseppe Bono, classe 1997, entrambi netini, già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti di polizia.

Il militare, notata la presenza dei due in contrada Falconara di Noto, nei pressi di alcune abitazioni estive, in atteggiamento sospetto, ha deciso di intraprendere da solo un controllo di polizia nei confronti dei due uomini. Vistisi scoperti questi hanno tentato la fuga a bordo della loro autovettura, sulla quale erano intenti a caricare del materiale. L’intervento del militare ne ha però bloccato la fuga: questi, infatti, si è intromesso all’interno dell’autovettura riuscendo a disinserire le chiavi dal cruscotto. I rei, successivamente bloccati anche grazie all’intervento di altri militari, sono stati trovati in possesso di un computer portatile, un televisore e altro materiale elettronico asportato da una abitazione di quella contrada, prontamente restituito al proprietario. Ulteriori accertamenti esperiti presso le abitazioni dei rei hanno permesso di rinvenire altro materiale, verosimilmente oggetto di furto, del quale questi non sapevano giustificare la provenienza, tra cui un televisore a schermo curvo e tre motoseghe, per cui sono stati altresì deferiti per il reato di ricettazione. Sono in corso accertamenti per risalire ai legittimi proprietari di questa refurtiva. Espletate le formalità di rito, gli arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale “Cavadonna” di Siracusa a disposizione dell’autorità giudiziaria aretusea.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Noto rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza al fine di fornire una risposta concreta ed incisiva alle legittime pretese di ordine e sicurezza pubblica avanzate dai cittadini. Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri, svolte dalle numerose pattuglie impiegate giorno e notte per il controllo della circolazione stradale e soprattutto per prevenire la commissione di reati contro il patrimonio, affiancando alla capillare perlustrazione del territorio una continua e attività info-investigativa, contattando commercianti e cittadini al fine di acquisire quante più notizie utili per prevenire il ripetersi dei reati ed assicurare alla giustizia gli autori di quelli già perpetrati, è difatti fondamentale la collaborazione di tutti, non solo degli addetti ai lavori, ma anche e soprattutto della cittadinanza la quale è invitata a segnalare al numero di emergenza 112 qualsiasi situazione dubbia di cui venga a conoscenza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo