Noto, in arrivo i nuovi mastelli per la raccolta porta a porta

Il calendario e i mastelli per la differenziata

Sono 6 per altrettante tipologie di rifiuti: metalli, plastica, indifferenziato (questi 3 prima non avevano un mastello dedicato), carta, vetro e organico. Ciascun utente li riceverà direttamente a casa

Novità in vista nella raccolta differenziata porta a porta: la Roma Costruzioni, ditta che gestisce il servizio ormai da un anno, sta per consegnare a tutti gli utenti i 6 nuovi mastelli che serviranno per il conferimento dei rifiuti fuori dalle abitazioni. Mastelli che avranno un codice collegato all’utenza Tari, permettendo così al comune di poter risalire a eventuali conferimenti sbagliati.

È il primo passo verso il nuovo calendario per la raccolta dei rifiuti porta a porta che prevede l’aggiunta di un giorno in più per il conferimento dei rifiuti organici e un giorno in cui saranno raccolti i rifiuti in metallo, quest’ultimi attualmente differenziabili assieme a quelli in plastica. Ancora da definire, invece, la questione sacchetti: confermato l’utilizzo dei sacchetti per l’organico/umido, amministrazione comunali e tecnici della ditta di Gela stanno vagliando le ipotesi più opportune sull’utilizzo dei sacchetti anche per gli altri tipi di rifiuti.

I mastelli saranno consegnati dal personale di Roma Costruzioni e solo in un secondo momento chi non li avesse ricevuti potrà andare al centro comunale di raccolta di contrada Madonna Marina per ritirarli. Una volta coperte tutte le utenze (o almeno una percentuale solida e importante), i nuovi mastelli entreranno in funzione, con la ditta che si è già attrezzata coi cosiddetti bivasca, mezzi per la raccolta di 2 tipologie di rifiuti contemporaneamente.

Le novità dovrebbero riguardare anche i residenti in condominio: dove possibile i carrellati, grossi contenitori di spazzatura utilizzati per raccogliere i rifiuti, saranno sostituiti con delle rastrelliere dove ciascuna famiglia potrà conferire il mastello contenente l’immondizia.

Ancora da valutare, infine, l’avvio degli sconti sulla Tari per chi utilizza le isole ecologiche e il centro comunale di raccolta: un passo alla volta per alzare le percentuali di raccolta differenziata e salvaguardare l’ambiente.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo