Calcio, doppietta di Bellavita e gol di Scalora, il Noto vince il derby contro la Rinascita Netina

Finisce 3 a 1 per i granata la stracittadina di ieri al Palatucci. Per la Rinascita gol di Fusca su rigore

Il rigore di Scalora che ha sbloccato il risultato al 46' del primo tempo

E’ successo di tutto ieri pomeriggio al Palatucci: 4 gol, 4 rigore assegnati dall’arbitro, il sig. Contraffatto di Catania, un giocatore espulso (Ferro del Noto a fine secondo tempo), 7 minuti di recupero nel primo tempo (recupero in cui sono stati assegnati 2 dei 4 rigori visti ieri) e 2 giocatori trasportati al Pronto Soccorso per infortuni dovuti alle pessime condizioni del rettangolo di gioco.

Sembrerebbe un bollettino di guerra ma nel primo derby ufficiale tra i “grandi” tra Noto e Rinascita Netina sportività e fair play non sono mancati. Non sono mancati nemmeno i gol e qualche decisione contestata dell’arbitro.

Dopo nemmeno 10 minuti gli allenatori, prima Salvo Fusca e poi Nicola Bonarrivo, sono costretti a un cambio forzato. Massimo Salemi (Rinascita Netina) appoggia male la gamba, il ginocchio sinistro fa crack e finisce in ospedale, dove pochi minuti dopo arriva Paolo Molisina, difensore del Noto, anche lui messo ko da un movimento innaturale del ginocchio sinistro.

Infortuni che allungano la durata del primo tempo di ben 7 minuti ed è nel recupero che il Noto praticamente chiude la partita. Lo fa grazie a 2 rigori trasformati da Scalora e Bellavita. Il primo è fischiato per un fallo di Moussa su Lo Pizzo, il secondo per un contatto dubbio sullo stesso Bellavita.

Il 2 a 0 mette ko la Rinascita che al rientro in campo subisce un altro gol, stavolta su azione: Ferro chiude un bel triangolo con Lo Pizzo e mette al centro dove Bellavita in spaccata colpisce bene e manda alle spalle di Amato.

Sotto di 3 gol la Rinascita potrebbe riaprire la partita con un altro calcio di rigore ma Pricone dal dischetto calcia bene ma alza troppo la traiettoria. Cosa che non succede a Fusca, quando nel recupero sigla il gol del definitivo 3 a 1.

Con questi 3 punti il Noto fortifica il 4 posto e adesso durante la pausa conta di recuperare gli infortunati Pizzi e Cutrali. Al ritorno in campo, per l’Epifania, c’è la sfida contro la capolista Chiaramonte.

Per la Rinascita, invece, le vacanze cominceranno più tardi: domenica, infatti, c’è il recupero contro il Per Scicli, partita mai cominciata 3 settimane fa per pioggia.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo